Tre oculari e un cannocchiale.  Un test che è più un gioco ma ....

 

 In questi ultimi giorni, finalmente!!, dopo mesi è arrivato il sole e ci siamo dedicati al test di un cannocchiale che ci ha molto sorpreso per la sua definizione e contrasto. Il cannocchiale sembrava essere un aggiornamento di quello precedente ma l'oculare era nuovo ed aveva una grande estensione dello zoom (20-75X). Ci siamo domandati se questi risultati fossero dovuti al cannocchiale o all'oculare. Come fare? Le soluzioni erano due ... o provare l'oculare su di un altro cannocchiale o il cannocchiale con altri oculari. Purtroppo non avevamo a disposizione il vecchio 20-60x che avevamo già testato con ottimi risultati ma avevamo diversi oculari di altri produttori e alcuni cannocchiali. Come già sapete ogni produttore ha un suo innesto, a vite o a baionetta, che non è compatibile con quello degli altri. Dovevamo trovare una soluzione per fermare saldamente quegli oculari con un innesto più stretto (piccolo). Fare un adapter per ciascuno non era consigliabile ed avrebbe impiegato troppo tempo.
Ci è venuto incontro un accessorio della Kowa che eccelle per solidità e precisione. L'accessorio in questione è la barra stabilizzatrice TSN-DA3.-La solidità era necessaria per non danneggiare i prismi del cannocchiale e la precisione per poter centrare perfettamente i fuochi mantenendo la giusta angolazione (45°). Il tutto doveva bilanciare e sorreggere il peso della macchina fotografica. Avevamo deciso di usare la Canon EOS 550D che stiamo usando alacremente per terminare il test. L'obiettivo usato è il Canon 50mm f/1;1.4.

Una precisazione è d'obbligo: Questo test è del tutto indicativo e non è altro che un metodo empirico per soddisfare la nostra curiosità. Abbinare in questo modo cannocchiale ed oculare può non rispettare precisi parametri ottici studiati dal produttore.

Dopo alcune prove e tentativi abbiamo potuto abbinare 3 poculari: Il Kowa 30XW, lo Swarovski 20-50W e il Baader Hyperion 17mm (quasi un 30X). purtroppo non siamo, per ora, riusciti a trovare una soluzione per il 30x Nikon che ci ha favorevolmente impressionato durante le prove del Nikon EDG85 e che avremmo molto voluto mettere alla prova. Tutto il sistema era posto su un treppiede Zeiss (prodotto da Manfrotto ottimizzando il 190XB) con testa Manfrotto 701HDG. L'ambiente era quello dei nostri soliti test e la dima usata era quella che si trova gratuitamente nel sito tedesco www.traumflieger.de montata a 45° su una struttura in compensato.

 

Lo Zeiss montato sul Kowa TSN-DA3

Il nuovo Zeiss DIASCOPE 85T* FL montato sulla versatile barra della KOWA TSN-DA3

La Canon EOS 550D con accanto il Baader 17

Gli oculari oggetto del test


 

Area di lavoro dei test. Segnalato dove sono posizionati i vari riferimenti e dime..

Area di lavoro dei test

 

Canon EOS 550D + Canon 50mm f/1:1.4
Kowa
TE-17W 30x    €373.00
Swarovski
25-50W    €680.00
Baader Hyperion
17mm   €110.00
30x 30x 30x
Ritaglio 1:1 parte centrale del fotogramma
Ritaglio 200% parte laterale all'angolo del fotogramma .. controllo fringing


L'immagine con il Kowa TE-17W 30x, come per lo Swarovski, è il risultato di un compromesso vista la difficoltà di trovare una perfetta calibratura degli assi ottici. Per entrambi gli oculari la difficoltà deve essere dovuta alla caratteristica di grand'angolo. Con un anello specifico e preciso non ci sarebbero stati problemi. Diversi tentativi ci hanno portato a trovare un compromesso accettabile ma non certo una soluzione precisa al 100%. Quello che ci ha sorpreso molto di questo oculare è la grandissima definizione e assenza di aberrazione cromatica. Solo a 300% si nota un inizio di aberrazione verso il viola. Se confrontato con lo Swarovski (entrambi grandangolari) ha leggermente meno profondità di campo ed una perfetta messa a fuoco.
Solo l'immagine prodotta dall'oculare Swarovski 25-50W ha sofferto, non ostante molti temntativi, un poco di front-focus, cosa che non accade con il suo cannocchiale, ma la resa è ottima anche in questo caso. Il grande pregio di questo oculare è la sua qualità ottica in considerazione del fatto che è uno zoom. Anche con questo cannocchiale soffre un poco di aberrazione geometrica ed accenna un inizio di quella cromatica per il colore giallo (solo ai bordi estremi e visibile a 200% del formato immagine). Il riferimento del 30x sul barilotto ha prodotto un immagine che non era proporzionale con il 30x fisso del Kowa. O il Kowa è più potente o lo Swaro ha un riferimento meno preciso avvicinandosi più a un 27x. Il fatto che abbia prodotto un immagine leggermente più chiara conferma questa teoria ma, allo stesso tempo, denuncia una progettazione molto accurata visto il maggiore numero di lenti. Definizione e colore eccellenti.
Il Baader Hyperion 17mm, il più economico tra quelli provati (110.00€ prezzo deepsky), si è comportato molto bene con leggera aberrazione cromatica notabile solo ai lati. Buono al centro e su quasi tutta l'area dell'immagine. Mantiene sempre una buona risoluzione e definizione con una profondità di campo eccellente. Tendenzialmente la sua immagine è un poco più fredda. Rimane uno degli oculari più interessanti tra quelli economici in commercio.
Come potete notare la cosa si è risolta molto bene confermando la qualità del cannocchiale in prova e degli oculari che abbiamo sempre considerato dei prodotti di riferimento. Ora stiamo cercando una soluzione per poter abbinare il Nikon e30x e il Kowa 20-60x che confronteremo anche con il potente oculare 20-75x del cannocchiale in prova.
Questo è stato un gioco interessante che speriamo vi abbia fatto nascere qualche curiosità e voglia di condurre anche voi delle prove ma .... attenzione a non mettere a rischio i prismi e la baionetta del vostro cannocchiale.

Mini guide

Introduzione ● - Introduzione al digiscoping
Digiscoping con la reflex
● - Il Binocolo breve guida alla scelta.
● -
Il treppiede e la testa  breve guida
alla scelta.

● - Chiarimenti e semplici indicazioni

una mini guida
● - Tre oculari ed un cannocchiale  un mini test o un gioco?
● - Digiscoping in notturna  Le esperienze e i consigli di un nostro amico.
● - Oculari - e non solo  
Un tentativo di semplificare la scelta e la conoscenza dei dati per conoscere il miglior oculare  da abbinare alla macchina fotografica e al suo obiettivo